Per la ns. Società ‘in house’ a controllo pubblico, è già vigente il blocco delle assunzioni a tempo indeterminato e l’obbligo della ‘ricognizione del personale in sevizio’ ai sensi dell’art. 24 del Dlgs. n. 175/16?”.

La risposta dei ns. esperti

A mente dell’art. 25, comma 1, del Dlgs. n. 175/16 (“Tusp”), le Società a controllo pubblico sono tenute ad effettuare, entro il 30 settembre 2017, una ricognizione del personale in servizio per individuare eventuali eccedenze, anche in relazione a quanto previsto nell’art. 24 (“Revisione straordinaria delle partecipazioni”).

Stante ciò, il Legislatore delegato ha affidato ad un Decreto del Ministro del Lavoro e delle Politiche sociali – da adottare di concerto con il Ministro delegato per la Semplificazione e la Pubblica Amministrazione e con il Mef, previa Intesa in Conferenza unificata ai sensi dell’art. 8, comma 6, della L. n. 131/03 (Intesa c.d. “forte”) – il compito di stabilire le modalità con cui l’Elenco del personale eccedente, con la puntuale indicazione dei profili posseduti, va trasmesso alla Regione nel cui territorio la Società a controllo pubblico ha la sede legale.

Continua a leggere sul sito Centro Studi Enti Locali



SEGUICI SU TELEGRAM

icon-telegram.png

Nomos Centro Studi Parlamentari è una delle principali realtà italiane nel settore delle Relazioni IstituzionaliPublic Affairs, Lobbying e Monitoraggio Legislativo e Parlamentare 

Se vuoi conoscere in tempo reale tutto il monitoraggio parlamentare senza perderti nessun nostro aggiornamento seguici sul nostro canale Telegram