Il Governo guidato da Giorgia Meloni, oltre ad affrontare le sfide che l’attualità politica ed economica sta presentando al Paese, sta lavorando intensamente ad altri due dossier intrinsecamente collegati, quello del ricambio dei vertici apicali delle amministrazioni e il rinnovo dei vertici aziendali delle più importanti società pubbliche controllate dallo Stato.

L’attenzione è tutta rivolta, almeno formalmente, al 24 gennaio, giorno in cui scadranno i 90 giorni che la legge lascia al Governo per attuare il sistema di spoils system. Per capire se il governo Meloni potrà godere di un profondo radicamento nel deep state, non si può però prescindere da uno sguardo di più ampio respiro che tenga in debita considerazione anche le trattative e i delicati equilibri che contraddistinguono il rebus del rinnovo dei CdA di alcune tra le principali partecipate pubbliche (Eni, Leonardo, Enel, ...)

Per l’occasione, Nomos Centro Studi Parlamentari ha realizzato uno speciale sulla partita delle nomine tra spoils system e partecipate

Scarica lo speciale

Speciale Spoils system e partecipate - 16 gennaio



Compila il form e ricevi i nostri Speciali via mail

Lasciaci i tuoi dati per ricevere gratuitamente, via mail, i nostri speciali con analisi politiche, economiche e di scenario con approfondimenti regionali.
Accetto i Termini di Utilizzo e la Privacy policy

Seguici su Telegram

icon-telegram.png

Nomos Centro Studi Parlamentari è una delle principali realtà italiane nel settore delle Relazioni IstituzionaliPublic Affairs, Lobbying e Monitoraggio Legislativo e Parlamentare 

Se vuoi conoscere in tempo reale tutto il monitoraggio parlamentare senza perderti nessun nostro aggiornamento seguici sul nostro canale Telegram

 

 

 

 

Prodotti editoriali

Settimana in Parlamento
La settimana Politica
La Settimana Economica