Eletti Presidenti di Camera e Senato

Sabato pomeriggio l’Assemblea di Montecitorio ha eletto un nuovo Presidente della Camera, al quarto scrutinio, con 422 voti, Roberto Fico del Movimento 5 Stelle. L’Aula di palazzo Madama, dopo un accordo raggiunto all’ultimo tra Lega FI e M5S, ha eletto alla terza votazione, con 240 voti, Maria Elisabetta Casellati di Forza Italia.

Paolo Gentiloni si è dimesso da presidente del Consiglio

Intanto sabato, il Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni è andato al Quirinale e ha dato le sue dimissioni nelle mani del Capo dello Stato, che le ha accettate, pregandolo di restare in carica per il disbrigo degli affari correnti. Gentiloni è poi andato al Senato per comunicare alla neopresidente Casellati l'esito del suo incontro con Mattarella. E successivamente ha incontrato alla Camera da Fico.

I nuovi Capigruppo

Il M5S ha confermato Giulia Grillo alla Camera e Danilo Toninelli al Senato. Senza particolari problemi anche la scelta dei presidenti dei gruppi della Lega che ha puntato su Giancarlo Giorgetti alla Camera e il Gianmarco Centinaio al Senato. Forza Italia, dopo il passo indietro da parte di Paolo Romani e Renato Brunetta, ha eletto Anna Maria Bernini e Mariastella Gelmini a guidare i senatori e i deputati forzisti.

Fratelli d’Italia ha scelto a palazzo Madama Stefano Bertacco e alla Camera Fabio Rampelli. Il Pd, dopo non poche tensioni, ha eletto Andrea Marcucci al Senato e Graziano Delrio a Montecitorio. Liberi e Uguali, non avendo i numeri per formare gruppi autonomi, è confluita nei due gruppi Misti e due propri esponenti ne sono divenuti i presidenti: Federico Fornaro alla Camera e Loredana De Petris al Senato.

Eletti i Vicepresidenti, Questori e Segretari di Camera e Senato

Dopo non poche polemiche tra Pd e M5S, sono stati eletti vicepresidenti del Senato Paola Taverna per il M5S, Roberto Calderoli per la Lega, Ignazio a Russa per FdI e Anna Rossomando per il Pd. Sono invece stati nominati questori Laura Bottici del M5S, Paolo Arrigoni della Lega e il riconfermato Antonio De Poli di Noi con l’Italia. Sono stati eletti segretari d'aula Paolo Tosato e Tiziana Nisini della Lega, Francesco Giro e Vincenzo Carbone di FI, Michela Montevecchi, Sergio Puglia, Giuseppe Pisani e Gianluca Castaldi del M5S.

Alla Camera ad affiancare Roberto Fico ci saranno Ettore Rosato del Pd, Lorenzo Fontana della Lega, Mara Carfagna per FI. Il quarto vicepresidente, che sarebbe dovuto andare a FdI, è stato preso dal M5S che ha eletto Maria Edera Spadoni. Un risultato che sarà funzionale nella battaglia contro vitalizi e indennità.

I questori eletti sono tre. Per il M5S è stato eletto Riccardo Fraccaro, Per FI Gregorio Fontana, mentre per FdI Edmondo Cirielli. Resta fuori Rosa Maria Di Giorgi, indicata dal Pd. Nella partita per gli otto segretari d'aula, si ripete il copione visto con i questori: con il Pd che è rimasto fuori. Fanno invece il pieno M5S e Lega. Il partito di Grillo può contare su Azzurra Cancelleri, Mirella Liuzzi, Vincenzo Spadafora e Carlo Sibilia, mentre il Carroccio su Silvana Andreina Comaroli, Marzio Liuni e Raffaele Volpi. Unico esterno all'asse giallo-verde è Francesco Scoma di FI.

Governo, consultazioni al Quirinale il 4 e 5 aprile

Il Quirinale ha reso noto il calendario delle consultazioni. Gli incontri partiranno il 4 aprile alle 10.30, quando al Colle salirà il presidente del Senato, Maria Elisabetta Casellati. Un'ora dopo toccherà al presidente della Camera, Roberto Fico. Quindi, alle 12.30, a Giorgio Napolitano, in qualità di presidente della Repubblica emerito.

Nel pomeriggio di mercoledì inizieranno le consultazioni con i gruppi parlamentari. Alle 16 toccherà al gruppo Per le Autonomie del Senato; alle 16.45 il gruppo Misto del Senato; alle 17.30 il gruppo Misto della Camera. Poi, alle 18.30, toccherà a FdI. Giovedì sarà il big-day: alle 10 salirà al Quirinale il Pd. A seguire sarà il turno di Forza Italia. Alle 12 toccherà alla Lega, mentre alle 16.30 chiuderà il Movimento 5 Stelle. Al termine dei colloqui, giovedì sera, il Capo dello Stato potrebbe tenere un breve discorso. Oppure, più probabilmente, prendersi qualche ora di riflessione e parlare il giorno successivo.

Scarica la settimana politica

Settimana Politica 24 - 30 marzo 2018



SEGUICI SU TELEGRAM

icon-telegram.png

Nomos Centro Studi Parlamentari è una delle principali realtà italiane nel settore delle Relazioni IstituzionaliPublic Affairs, Lobbying e Monitoraggio Legislativo e Parlamentare 

Se vuoi conoscere in tempo reale tutto il monitoraggio parlamentare senza perderti nessun nostro aggiornamento seguici sul nostro canale Telegram