Durissimo scontro tra Conte e Renzi. CDM vara la riforma del processo penale

Il lodo Conte bis nel ddl sulla riforma del processo penale: senza i renziani seduti al tavolo, il Consiglio dei ministri accelera sulla prescrizione dando plastica dimostrazione dello showdown cui ormai è disposto ad arrivare il premier Giuseppe Conte. “Mi dispiace per Iv. Per una forza politica è sempre una sconfitta decidere deliberatamente di non sedersi a un tavolo”, scandisce il capo del Governo in una conferenza stampa dove chiama Matteo Renzi a un bivio non più prorogabile, se proseguire o meno nella maggioranza. “Italia Viva ci dica cosa vuole fare, lo deve chiarire non solo a me ma anche al Paese”.

Mattarella sente Conte: se si apre la crisi si voterà dopo il referendum

Il Quirinale è stato informato minuto per minuto su quanto stava accadendo a palazzo Chigi, ma per ora resta alla finestra. La fase è delicata e il premier Giuseppe Conte non può non condividerla con il capo dello Stato Sergio Mattarella in via del tutto informale. Il premier non è più disponibile a proseguire con i continui stop and go di Italia Viva. Mattarella ha ascoltato, non intervenendo perché per entrare in gioco serve una crisi formale che per ora non c'è. Benché al Colle si dubiti che possano esserci ribaltoni o maggioranze politiche dopo il Conte 2, vi è una certezza: andare alle urne prima del Referendum sul taglio dei parlamentari non sarebbe opportuno.

La Consulta dice no all’applicazione retroattiva della Spazzacorrotti

L'applicazione retroattiva della Legge Spazzacorrotti è incostituzionale. Far valere, anche nei confronti di chi è stato condannato per corruzione per fatti commessi prima dell'entrata in vigore della legge, le norme che impediscono di accedere alle misure alternative alla detenzione o alla liberazione condizionale, è in contrasto con il principio di legalità delle pene, sancito dalla Costituzione. L’ha stabilito la Corte costituzionale, cui una decina di tribunali di sorveglianza di tutta Italia si erano rivolti esprimendo dubbi sulla mancanza di una disposizione transitoria nella legge fortemente voluta dal ministro Alfonso Bonafede e dai Cinque Stelle.

Le Sardine aprono alla fase 2 e iniziano gli incontri con il Governo

Dopo mesi di avvicinamento, per la prima volta le Sardine hanno incontrato ufficialmente un membro del governo giallorosso. Mattia Santori è stato ricevuto nelle sale di Palazzo Chigi dal ministro per il Sud Giuseppe Provenzano: un faccia a faccia di oltre due ore per parlare di Piano per il Mezzogiorno. “Inauguriamo una nuova stagione di politica sardina, rimbocchiamoci le pinne”, è il post a caldo su Facebook della pagina 6000 Sardine, pronte di fatto a una fase due della propria esistenza. E i prossimi passi sono eloquenti: dopo il successo nelle piazze emiliane, ora il mare della partecipazione giovane si sposta verso Sud e Centro Italia in vista delle prossime regionali.

Il Senato ha deciso: Salvini sarà processato sul caso Gregoretti

Il Senato manda a processo Matteo Salvini per il caso della nave Gregoretti. Il voto non ha precedenti: non era infatti mai accaduto, da quando è cambiata la normativa con il Referendum del 1987, che una delle due Camere autorizzasse i giudici a procedere nei confronti di un Ministro. Con 152 contrari e 76 favorevoli l’Aula di palazzo Madama ha bocciato l'ordine del giorno presentato da FI e FdI che in difformità dal parere della Giunta dell'Immunità proponeva il diniego alla richiesta del tribunale dei ministri. Si chiude così una vicenda per cui l'ex capo del Viminale è accusato di sequestro di persona plurimo per aver negato lo sbarco per quattro giorni a 131 migranti della nave militare Gregoretti. L'intervento di Matteo Salvini è asciutto: “Facciamolo decidere a un giudice se sono un pericoloso criminale. Sono convinto che alla fine sarà archiviata. Chi vota oggi pensando di vincere sarà confitto dalla storia”.

Alta tensione tra Salvini e Meloni sui candidati alle prossime regionali

Si è aperto lo scontro nel centrodestra sui candidati alle prossime regionali. Nonostante i selfie sorridenti, tra Salvini e Meloni la tensione è altissima e il leader della Lega manda un messaggio forte e chiaro anche a Berlusconi: in tutte le regioni si deve cambiare cavallo. Ad affilare i coltelli è lo stesso leghista: “Servono nomi nuovi che non sono lì da 20 anni, senza tessere di partito, indicati magari da Fi e Fdi”. Secondo fonti della Lega infatti si parla di “intese in alto mare” con Salvini pronto a vedere i responsabili locali lunedì a Roma per mettere in piedi una strategia d'urto.

I sondaggi della settimana

Negli ultimi sondaggi realizzati dall'Istituto SWG, il consenso della Lega di Matteo Salvini è diminuito di un punto attestandosi al 32,1%. Resta stabile, invece, il Movimento 5 Stelle. Il partito guidato da Vito Crimi non risente più di tanto degli screzi interni alla maggioranza e rimane al 14%. La Lega si conferma il primo partito del Paese con una distanza dal secondo partito (PD) di 11,5 punti percentuali, mentre il gap rispetto al M5S si attesta a 18,2 punti percentuali.

settimana-politica-8-14-febbraio-2020-1.png

Nell’area delle sinistre, i Verdi rimangono stabili al 2,1% mentre l’alleanza tra Sinistra Italiana e MDP Articolo Uno scende al 2,8%. Nell’area centrista, +Europa continua a rimanere al 2%, così come Italia Viva che non riesce a sganciarsi in modo deciso dal 4% (4,2%). In leggera risalita, invece, Azione, il partito fondato dall’ex ministro Carlo Calenda al 2,8%. Continua il momento positivo del Partito Democratico. Rispetto alla scorsa rilevazione, i dem guadagnano un punto percentuale, attestandosi al 20,7%. Nell’area del centrodestra, Fratelli d’Italia si conferma stabilmente come la seconda forza della coalizione con il 10,8% dei consensi, mentre Forza Italia rallenta (5,4%) mentre Cambiamo!, il partito del Governatore ligure Giovanni Toti, si ferma all’1,2% nelle intenzioni di voto degli italiani.

settimana-politica-8-14-febbraio-2020-2.png

Ad oggi, l’area di Governo raccoglie il 41,7% delle preferenze di voto. La coalizione di centrodestra il 49,6%, quella di centrosinistra il 29,7%. Il Movimento 5 Stelle è dato al 14%.

Scarica la settimana politica

Settimana Politica 8 - 14 febbraio 2020



SEGUICI SU TELEGRAM

icon-telegram.png

Nomos Centro Studi Parlamentari è una delle principali realtà italiane nel settore delle Relazioni IstituzionaliPublic Affairs, Lobbying e Monitoraggio Legislativo e Parlamentare 

Se vuoi conoscere in tempo reale tutto il monitoraggio parlamentare senza perderti nessun nostro aggiornamento seguici sul nostro canale Telegram