Nonostante l’emergenza da Coronavirus abbia portato ad un allungamento dei tempi previsti, la prima tranche di nomine nelle società controllate dal MEF si è conclusa. Con la riunione del Cda di Enav del 21 maggio, le sei società pubbliche quotate in borsa (Eni, Enel, Leonardo, Enav, Poste Italiane e Mps) a cui si aggiunge Terna possono continuare il loro lavoro dopo mesi di incertezza riguardanti le nomine dei nuovi board. Una partita, quella delle nomine pubbliche, che ha avuto come epicentro Palazzo Chigi e il Ministero dell’economia e delle finanze. Per il M5S, gli attori fondamentali sono stati il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Riccardo Fraccaro, coadiuvato dal suo consigliere economico Antonio Rizzo, celebre per essere stato nel 2013 il superteste dell’inchiesta Mps, il ministro degli esteri ed ex capo politico Luigi Di Maio e il premier Giuseppe Conte.Per il PD, ha giocato un grande ruolo il segretario Nicola Zingaretti anche in virtù dei buoni rapporti con Riccardo Fraccaro anche se non è mancato l’apporto del viceministro al Mef Antonio Misiani e del deputato Claudio Mancini anche se il regista delle operazioni risponde al nome di Roberto Gualtieri. Infatti, il titolare del dicastero di via XX Settembre ha messo fin da subito all’opera il proprio capo segreteria Ignazio Vacca e il direttore generale del Tesoro Alessandro Rivera per trovare in breve tempo la quadratura del cerchio. Un ruolo non marginale lo ha svolto, nonostante le smentite di rito, anche Matteo Renzi che tramite il duumviro di Italia Viva Ettore Rosato ha ottenuto la riconferma di molte nomine fatte durante il suo periodo a Chigi dal 2014 al 2016, il consigliere ombra di LeU Massimo D’Alema che gode di ottimi rapporti con Zingaretti e Gualtieri e, dulcis in fundo, il segretario generale del Colle Ugo Zampetti sempre pronto a far sentire la voce del Quirinale, ma sempre nelle forme proprie del Colle, nelle nomine più importanti per il sistema Italia.

Nomos Centro Studi Parlamentari ha realizzato, per l’occasione, un documento di approfondimento sulle nomine nelle società quotate controllate dallo Stato.

Scarica lo speciale

Speciale Nomine Cda Partecipate pubbliche - 22 maggio 2020



SEGUICI SU TELEGRAM

icon-telegram.png

Nomos Centro Studi Parlamentari è una delle principali realtà italiane nel settore delle Relazioni IstituzionaliPublic Affairs, Lobbying e Monitoraggio Legislativo e Parlamentare 

Se vuoi conoscere in tempo reale tutto il monitoraggio parlamentare senza perderti nessun nostro aggiornamento seguici sul nostro canale Telegram