Le dichiarazioni certamente diplomatiche del Commissario europeo agli Affari economici Paolo Gentiloni in audizione sul PNRR nelle Commissioni riunite Bilancio e Politiche dell’UE di Camera e Senato del 2 marzo hanno delineato con precisione la situazione: nonostante le dichiarazioni di rito, Mario Draghi è alle prese con la riscrittura quasi completa del documento che, nella sua versione originaria, è stato bocciato da Banca d’ItaliaUfficio parlamentare di Bilancio(UPB) e Corte dei Conti. Il lavoro di affinamento del PNRR, fondamentale per poter accedere ai 209 miliardi del Recovery Fund all'interno del pacchetto Next Generation EU, dovrà essere celere per rispettare la scadenza del 30 aprile, termine ultimo per la presentazione del Piano a Bruxelles. La prima innovazione apportata da Draghi ha riguardato la governance per la definizione del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza: a differenza della struttura decisionale pensata da Giuseppe Conte  il nuovo esecutivo ha promosso una governance accentrata, indicando chiaramente nel Ministero dell’economia di Daniele Franco il Ministero capofila nella gestione del Piano.

Scarica lo speciale

Speciale Governance Recovery Plan - 3 marzo 2021



SEGUICI SU TELEGRAM

icon-telegram.png

Nomos Centro Studi Parlamentari è una delle principali realtà italiane nel settore delle Relazioni IstituzionaliPublic Affairs, Lobbying e Monitoraggio Legislativo e Parlamentare 

Se vuoi conoscere in tempo reale tutto il monitoraggio parlamentare senza perderti nessun nostro aggiornamento seguici sul nostro canale Telegram