Domenica 20 e lunedì 21 settembre, in contemporanea con le elezioni comunali, le suppletive al Senato e il referendum confermativo sulla riduzione del numero di parlamentari, i 3,7 milioni di cittadini toscani sono chiamati alle urne (dalle 7.00 alle 23.00 la domenica, dalle 7.00 alle 15.00 il lunedì) per l’elezione del nuovo Presidente e il rinnovo del consiglio regionale. Dal 1970 in poi, anno di istituzione delle Regioni, la Toscana è sempre stata amministrata dal centrosinistra e, negli ultimi dieci anni, è stata governata da Enrico Rossi. Quest’ultimo è stato eletto, per la seconda volta, nel 2015 con il 48% dei voti in una tornata elettorale contraddistinta da una scarsa affluenza (48,3%). Nonostante il voto sia locale, in una regione da sempre terreno di conquista della sinistra e del centrosinistra, la competizione elettorale potrebbe assumere una rilevanza nazionale visto che la regione è potenzialmente contendibile da parte del centrodestra che, a differenza del 2015, si presenta con un fronte unito.

Il_sistema_elettorale_in_Toscana.jpg

Per l’occasione, Nomos Centro Studi Parlamentari ha predisposto una breve nota esplicativa sui candidati e i partiti che si stanno affrontando in campagna elettorale.

Scarica lo speciale

Speciale Elezioni Regionali Toscana - 15 settembre 2020



SEGUICI SU TELEGRAM

icon-telegram.png

Nomos Centro Studi Parlamentari è una delle principali realtà italiane nel settore delle Relazioni IstituzionaliPublic Affairs, Lobbying e Monitoraggio Legislativo e Parlamentare 

Se vuoi conoscere in tempo reale tutto il monitoraggio parlamentare senza perderti nessun nostro aggiornamento seguici sul nostro canale Telegram